Contenere un neonato: perché e come

Il contenimento fornisce al neonato un contatto rassicurante e serve a tranquillizzarlo e a calmarlo dallo stress
Stampa Pagina

12 marzo 2020


CHE COS'È

Il "contenimento" del piccolo risponde alla necessità di offrire al neonato un contatto rassicurante.
Questo ha lo scopo di stabilizzare il neonato e in un certo senso di portarlo a rivivere le sensazioni di benessere e protezione vissute nella pancia della mamma. Ogni neonato ha una sua personalità e delle abilità specifiche che possono riguardare il toccare, l'annusare, l'ascoltare o il guardare. Alcuni si lasciano consolare cullandoli tra le braccia, altri desiderano sentire la voce di mamma e papà o che li si tenga esclusivamente in braccio.
Il pianto è il modo con cui tutti i neonati comunicano più frequentemente. Può avere diverse cause ed essere preceduto da segnali come cambiamenti della respirazione, del colorito della pelle, smorfie del viso o movimenti delle braccia. Sentire la vicinanza dell'altro (mettersi in ascolto) e sperimentare il contatto fisico (toccarsi) sono occasioni che facilitano la conoscenza reciproca tra genitore e bambino. Il contenimento del neonato consiste appunto nell'utilizzare il contatto fisico per favorirne il benessere.

PERCHÉ "CONTENERE"
Il "contenimento" aiuta il neonato a superare gli eventi che può avvertire come "stressanti". Per i neonati sani questi eventi possono essere cose semplici come alcuni rumori, l'alternarsi del sonno e della veglia o l'alimentarsi. Alcuni però possono avere particolare bisogno di contenimento perché più fragili e sensibili agli stimoli che provengono dall'interno o dall'esterno del proprio corpo. Questi neonati sono definiti "irritabili" e difficilmente riescono a consolarsi da soli. Possono reagire agli stimoli tremando, presentando movimenti inaspettati o piangendo improvvisamente. Anche i bambini nati prima del tempo (pretermine) possono avere più frequentemente uno stato di agitazione soprattutto serale, a causa del loro sistema nervoso ancora in fase di maturazione. Il "contenimento" può aiutarli a tranquillizzarsi. 

COME "CONTENERE" IL NEONATO
Ogni genitore troverà il suo modo per "contenere" il suo bambino. Si presentano di seguito due modi che potrebbero essere utili, soprattutto per i più piccoli.

Holding
Consiste nell'utilizzare il "tocco fermo" delle mani e del corpo per stabilizzare sia il corpo che l'emotività del bambino. È necessario accogliere il neonato fra le braccia, favorendo il contatto della sua pancia con il corpo del genitore, sostenendo le spalle, il capo e le gambe tra le mani ferme, senza solleticare o strofinare. La persona che lo "contiene" diventa essa stessa il nido del neonato, consolandolo, anche semplicemente nell'atto di spostarlo o di tenerlo in braccio.
Bisogna ricordare che i neonati hanno paura del vuoto: possono esprimerlo con uno sguardo spaventato, allargando le braccia, cercando di aggrapparsi a qualcosa con le mani e piangendo. Sostenerli con il "contenimento" restituisce loro i confini dell'utero materno, a cui erano abituati durante la gravidanza. In qualsiasi momento, posare una mano ferma sul capo del neonato e una a raccogliere le gambette verso il suo petto può aiutarlo a rilassarsi e tranquillizzarsi (Figura 1).

Figura 1 - posare delicatamente una mano ferma sul capo del neonato e una a raccogliere le gambe verso il petto, può aiutarlo a tranquillizzarsi.

Wrapping
È una tecnica praticata sin dall'antichità e consiste nell'avvolgere il neonato (Figura 2). È consigliabile utilizzarla sui neonati con meno di 2 mesi, quando sono agitati, ma anche durante il primo bagnetto oppure per favorire l'interazione con i genitori o per conciliare il sonno. È necessario un lenzuolino morbido e leggero, posto su una superficie piana, con l'angolo superiore ripiegato verso il basso. Il neonato va posizionato con la testina leggermente al di sopra del margine ripiegato, le gambe e le braccia flesse, in modo che possa arrivare con le mani alla bocca e al viso. Ponendo il neonato su un fianco, si procede avvolgendo il lenzuolino attorno a lui/lei, da un lato, poi dall'altro rimettendo il neonato a pancia in su (supino). Bisogna fare attenzione ad avvolgere le gambe del neonato in modo che possa ancora allungarle e fletterle.
Attenzione! Una fasciatura troppo stretta può provocare una dislocazione dell'anca o una displasia della stessa. Il volto deve rimanere scoperto, con le spalle e il collo ben sostenuti dal lenzuolino. In questo modo il neonato si sentirà avvolto e i suoi movimenti saranno attutiti, così come accadeva nel grembo materno. Nell'eseguire il wrapping fare attenzione che il neonato non senta troppo caldo.

Figura 2 - come fasciare il neonato.

CONSIGLI UTILI PER CONTENERE IL NEONATO

- Osservare sempre le reazioni del neonato per assicurarsi che le carezze o il tocco siano graditi. Se il bambino si rilassa, smette di piangere e di corrugare la fronte o si addormenta, vuol dire che si sta procedendo nella maniera corretta;
- Parlare al neonato con voce bassa e tranquilla, con un'espressione del viso serena e sorridente, aiuta a mantenerlo calmo. Può aiutare anche una melodia dolce;
- Evitare movimenti e tocchi bruschi, sia quando si afferra il neonato, sia quando lo si lascia. Procedere lentamente per garantirgli il tempo necessario ad adattarsi;
- Assicurarsi che le mani non siano troppo fredde e lavarle accuratamente prima del contatto con il neonato;
- Sono preferibili ambienti non troppo luminosi e rumorosi;
- È preferibile proporre al neonato uno stimolo alla volta, che esso sia vocale, fisico o di gioco, per periodi di tempo non troppo lunghi;
- Garantire sempre al neonato periodi di riposo, rispettando soprattutto il suo ciclo sonno-veglia;
- Può essere utile permettere al bambino di rilassarsi aggrappandosi al nostro dito o afferrando oggetti.


a cura di: Elisabetta Renzetti*, Anna Maria Bonetti**, Immacolata Dall'Oglio***, Ilaria Campagna****, Claudia Carlin***
Illustrazioni a cura di: Claudia Carlin***
* Terapia Intensiva Neonatale
** Riabilitazione funzionale
*** Struttura Sviluppo Professioni sanitarie, Formazione continua e Ricerca
**** Area di Ricerca Malattie Multifattoriali e Malattie Complesse
In collaborazione con: